Curia di Milano e Vaticano coprono la destra cattolica nella polemica contro lo spettacolo di Castellucci

La curia di Milano e il Vaticano accettano, a priori e in modo poco comprensibile, la campagna degli ultras della destra cattolica contro lo spettacolo di Castellucci al teatro Franco Parenti di Milano. “Noi Siamo Chiesa” chiede che esso non sia né rinviato né sospeso.

 Il portavoce nazionale di “Noi Siamo Chiesa” Vittorio Bellavite ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“La stampa, non solo locale,  informa ampiamente in questi giorni della grande  gazzarra che gli ultras della destra cattolica stanno organizzando  contro la prossima rappresentazione al Teatro Parenti di Milano  de “Sul  concetto del volto di Dio”. Questa piccola parte del mondo cattolico- non c’è neanche bisogno di ricordarlo-si colloca, per propria volontà, fuori o ai margini di una Chiesa che ha, e che dovrebbe maggiormente avere, il messaggio di ascolto e di pluralismo del   Concilio Vaticano II come proprio fondamentale punto di riferimento.

“Noi Siamo Chiesa”, il movimento per la riforma della Chiesa cattolica che coordino, è meravigliato e dispiaciuto che queste proteste trovino a priori ascolto sia da parte dell’arcivescovado di Milano che da parte del Vaticano nelle dichiarazioni  diffuse

rispettivamente il 14 e il 19 gennaio.

La direttrice del teatro Andrée Ruth Shammah e il regista Romeo Castellucci  hanno fatto ampie e ripetute affermazioni sul fatto che lo spettacolo non è irrispettoso della fede ma anzi “profondamente cristiano”, auspicando un “dialogo costruttivo, nel rispetto reciproco” in una “città che ha sempre rappresentato il pensiero illuminato, la religiosità alta, il dialogo e l’apertura”. Mi meraviglio che le autorità ecclesiastiche non abbiano tenuto in adeguata considerazione queste dichiarazioni prima di esprimersi in termini critici nei confronti dello spettacolo. Si ha l’impressione che si accetti, senza un preventivo riscontro diretto, una campagna intollerante e identitaria che poco ha a che fare con un rapporto sereno con l’opinione pubblica avente unico scopo di annunciare il Vangelo di Gesù.

Ho comunicato ieri alla Curia di Milano le nostre riserve  sul comunicato da essa  diffuso  il 14 gennaio in cui si bacchetta il teatro Franco Parenti. Io ed altri amici andremo a vedere lo spettacolo il 24 prossimo, prima di esprimere opinioni di merito, che, ovviamente, potrebbero essere anche critiche.

Invito comunque la direttrice e il regista a non lasciarsi intimidire e a non rinviare né tantomeno sospendere lo spettacolo”.

 Milano, 20 gennaio 2012

 

 

 

      

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.