Bregantini boccia il governo sull’art.18

SEMBRA Cgil, ma si legge Cei. Monsignor Giancarlo Bregantini, ministro del Welfare dei vescovi italiani, critica duramente la riforma del lavoro allo studio del governo. In particolare, la revisione dell’articolo 18 sui licenziamenti economici. «Bisogna chiedersi — dice il vescovo di Campobasso in un’intervista a Famiglia cristiana — se il lavoratore sia una persona o una merce. Il dipendente non è una merce, non lo si può trattare come un prodotto da dismettere». Ancora: «Con questa riforma si rischia di produrre un clima di paura generalizzato. È stato un errore lasciare fuori la Cgil. Provo dispiacere, perché dietro questo sindacato c’è tutto un mondo importante da coinvolgere». Più sfumate le parole del portavoce della Cei, monsignor Domenico Pompili, intervenuto dopo Bregantini, anche se l’auspicio di fondo non cambia: la speranza è che sul lavoro «si raggiunga una soluzione la più ampiamente condivisa». E, mentre i vescovi italiani attendono la fine delle trattative, i colleghi iberici lanciano la loro ‘campagna acquisti’ sul web. «Non ti prometto un grande stipendio, ti prometto un posto fisso»: comincia così il video della Conferenza episcopale spagnola (Cee) per trovare nuovi seminaristi. Nella stagione difficile del lavoro precario.

Giovanni Panettiere 

( da il “Resto del Carlino” del 23.3.2012)

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo Critico. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.