Il movimento We Are Church propone che l’Anno della Fede diventi l’Anno del Dialogo

The International Movement We Are Church:  “L’Anno della Fede” deve diventare l’ “Anno del Dialogo”

Il Movimento Internazionale Noi siamo Chiesa (NSC) nel settimo  anniversario della elezione di Papa Benedetto XVI esprime solidarietà ai teologi obbligati al silenzio e al  movimento di base ‘Pfarrer –Initiative’

Il dialogo, all’interno della Chiesa, è l’unico modo per superare l’attuale  profonda e globale crisi della Chiesa Cattolica  .NSC dichiara la sua solidarietà  con i tanti teologi conosciuti e stimati, che dal Vaticano sono stati obbligati a tacere. Tra gli ultimi  segnaliamo JJTamayo, Andres Torres Qeiruga, Tony Flannery, Sean Fagan, Owen OSullivan e Gerry Moloney e il movimento austriaco  ‘Pfarrer-Initiative’. Questi teologi sono stati obbligati a tacere  dalla Congregazione per la Dottrina della Fede a Roma senza un regolare  processo e nel più assoluto silenzio (Per ulteriori informazione vedere  i siti ). Nel settimo anniversario della elezione di Papa Benedetto, NSC invita tutti i credenti ad avviare un dialogo aperto su tutti i punti contenuti nell’appello  della ‘Pfarrer-iniziative’,  che ha riscosso molti consensi  in ogni parte del mondo.

L’Anno della Fede’, proclamato da Papa Benedetto, nel cinquantesimo anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano Secondo, deve diventare ‘l’Anno del Dialogo’. Invece di pretendere obbedienza cieca, come ha fatto papa Benedetto nel suo discorso del Giovedì Santo,tutti i punti contenuti nell’appello della ‘Pfarrer-iniziative’ dovrebbero essere oggetto di riflessione singolarmente e non in blocco. L ‘appello alla disobbedienza ‘ della “Pfarrer-Initiative”  è stato diffuso  nel  giugno del 2011, dopo aver tentato per cinque anni di dialogare   con la gerarchia senza alcun risultato.

Oggi, l a Chiesa Cattolica si trova  in una  profonda crisi. I sette  anni del pontificato di Benedetto XVI hanno evidenziato la crescente e profonda inadeguatezza dell’intero sistema della Chiesa Cattolica,  soprattutto a causa della sua struttura  monarchica  e autocratica, del clericalismo, come pure della crescente concentrazione del potere a Roma negli anni più recenti, con la conseguenza di negare ogni autonomia alle Chiese locali. Sin dal  novembre del 1981, quando l’allora Cardinale Joseph Ratzinger venne nominato prefetto della Congregazione  per la Dottrina della Fede, l’attuale Papa ha condizionato la Chiesa Cattolica più a lungo e più profondamente  di molti altri  nell’intera storia della Chiesa. Benedetto XVI ripetutamente ha dato prova di essere sordo a quanto vescovi, teologi e numerosi laici gli hanno proposto da tutto il mondo. La Teologia della Liberazione, in particolare,  è stata considerata da lui con sospetto e ostilità. In ogni modo, nonostante i tanti ostacoli frapposti al dialogo, noi continueremo a operare per favorire all’interno della Chiesa nuovi rapporti   con tutti i nostri fratelli e le nostre  sorelle, secondo lo spirito del Vangelo.

Roma 19 aprile 2012

è  A list of all persons who, directly or indirectly, have been investigated in any way, disciplined, or excommunicated by the CDF under Joseph Ratzinger (a compilation by “Catholics for Choice,” 2006) is available at www.wirsindkirche.de/files/212_2006movingforwardbylookingback_31-38.pdf.

è  A list of 99 theologians and spiritual leaders who were banned, expelled, or silenced under Ratzinger is included in the 2011 book by Matthew Fox, The Pope’s War: Why Ratzinger’s Secret Crusade Has Imperiled the Church and How It Can Be Saved. www.wir-sind-kirche.de/files/1567_Fox_Liste%20der%2099.pdf

(traduzione di Vittorio Bellavite)

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.