Scola sponsorizzato da C.L. con una lettera di Carròn che attacca frontalmente gli episcopati di Martini e di Tettamanzi

Lettera del Presidente  di Comunione e Liberazione Juliàn Carròn al Nunzio apostolico in Italia Giuseppe Bertello del marzo 2011

 Eccellenza Reverendissima,

rispondo alla Sua richiesta permettendomi di offrirLe in tutta franchezza e confidenza, ben consapevole della responsabilità che mi assumo di fronte a Dio e al Santo Padre, alcune considerazioni sullo stato della Chiesa ambrosiana.

 1)            Il primo dato di rilievo è la crisi profonda della fede del popolo di Dio, in particolare di quella tradizione ambrosiana caratterizzata sempre da una profonda unità tra fede e vita e dall’annuncio di Cristo “tutto per noi” (S. Ambrogio) come presenza e risposta ragionevole al dramma dell’esistenza umana. Negli ultimi trent’anni abbiamo assistito a una rottura di questa tradizione, accettando di diritto e promuovendo di fatto la frattura caratteristica della modernità tra sapere e credere, a scapito della organicità dell’esperienza cristiana, ridotta a intimismo e moralismo.

 2)            Perdura la grave crisi delle vocazioni, affrontata in modo quasi esclusivamente organizzativo. La nascita delle unità pastorali ha prodotto tanto sconcerto e sofferenza in vasta parte del clero e grave disorientamento nei fedeli, che mal si raccapezzano di fronte alla pluralità di figure sacerdotali di riferimento.

 3)            Il disorientamento nei fedeli è aggravato dalla introduzione del nuovo Lezionario, guidato da criteri alquanto discutibili e astrusi, che di fatto rende molto difficile un cammino educativo coerente della Liturgia, contribuendo a spezzare l’irrinunciabile unità tra liturgia e fede (“lex orandi, lex credendi”). E già si parla della riforma del Messale, uno dei beni più preziosi della Liturgia ambrosiana…

 4)             L’insegnamento teologico per i futuri chierici e per i laici, sia pur con lodevoli eccezioni, si discosta in molti punti dalla Tradizione e dal Magistero, soprattutto nelle scienze bibliche e nella teologia sistematica. Viene spesso teorizzata una sorta di “magistero alternativo” a Roma e al Santo Padre, che rischia di diventare ormai una caratteristica consolidata della “ambrosianità” contemporanea.

 5)            La presenza dei movimenti è tollerata, ma essi vengono sempre considerati più come un problema che come una risorsa. Prevale ancora una lettura sociologica, stile anni ’70, come fossero una “chiesa parallela”, nonostante i loro membri forniscano, per fare solo un esempio, centinaia e centinaia di catechisti, sostituendosi in molte parrocchie alle forze esauste dell’Azione Cattolica. Molte volte le numerose opere educative, sociali, caritative che nascono per responsabilità dei laici vengono guardate con sospetto e bollate come “affarismo”, anche se non mancano iniziali valorizzazioni di quelli che sono nuovi tentativi di realizzazione pratica dei principi di solidarietà e di sussidiarietà e che si inseriscono nella secolare tradizione di operosità del cattolicesimo ambrosiano.

 6)    Dal punto di vista della presenza civile della Chiesa non si può non rilevare una certa unilateralità di interventi sulla giustizia sociale, a scapito di altri temi fondamentali della Dottrina sociale, e un certo sottile ma sistematico “neocollateralismo”, soprattutto della Curia, verso una sola parte politica (il centrosinistra) trascurando, se non avversando, i tentativi di cattolici impegnati in politica, anche con altissime responsabilità nel governo locale, in altri schieramenti. Questa unilateralità di fatto, anche se ben dissimulata dietro a una teorica (e in sé doverosa) “apoliticità”, finisce per rendere poco incisivo il contributo educativo della Chiesa ai bene comune, all’unità del popolo e alla convivenza pacifica, fatto ancora più grave in una città, in una Regione (la Lombardia) e in una parte d’Italia (il Nord) in cui più forti sono le spinte isolazioniste e ormai drammatici e quotidiani i conflitti tra poteri dello Stato.

 7)            Per quanto riguarda la presenza nel mondo della cultura, così importante per una città come Milano, va rilevato che un malinteso senso del dialogo spesso si risolve in una autoriduzione della originalità del cristianesimo, o sconfina in posizioni relativistiche o problematicistiche che, senza rappresentare un reale contributo di novità nel dibattito pubblico, finiscono col deprimere un confronto reale con altre concezioni e confermare una sostanziale Irrilevanza di giudizio della Chiesa rispetto alla mentalità dominante.

Né va trascurata la peculiarità della presenza a Milano dell’Università Cattolica che, nonostante il prodigarsi ammirevole dell’attuale Rettore e dell’Assistente Ecclesiastico, attraversa una crisi di identità cosi grave da fare temere in tempi brevi un sostanziale e irreversibile distacco dalla impostazione originale. Nel rispetto delle prerogative della Santa Sede e della Conferenza Episcopale, non appare irrilevante il contributo che un nuovo Presule, per la sua preparazione e sensibilità, potrebbe offrire a favore di una più precisa linea culturale e educativa dell’Ateneo di tutti i cattolici italiani.

 Mi permetto infine di rilevare, per tutte queste ragioni, pur sommariamente delineate, l’esigenza e l’urgenza di una scelta di discontinuità significativa rispetto alla impostazione degli ultimi trent’anni, considerato il peso e l’influenza che l’Arcidiocesi di Milano ha in tutta la Lombardia, in Italia e nel mondo.

 Attendiamo un Pastore che sappia rinsaldare i legami con Roma e con Pietro, annunciare con coraggio e fascino esistenziale la gioia di essere cristiani, essere Pastore di tutto il gregge e non di una parte soltanto. Occorre una personalità con profondità spirituale, ferma e cristallina fede, grande prudenza e carità, e con una preparazione culturale in grado di dialogare efficacemente con la varietà delle componenti ecclesiali e civili, fermo sull’essenziale e coraggioso e aperto di fronte alle numerose sfide della postmodernità.

 Per la gravità della situazione non mi sembra che si possa puntare su di una personalità di secondo piano o su di un cosiddetto “outsider”, che inevitabilmente finirebbe, per inesperienza, soffocato nei meccanismi consolidati della Curia locale. Occorre una personalità di grande profilo di fede, di esperienza umana e di governo, in grado di inaugurare realmente e decisamente un nuovo corso.

 Per queste ragioni l’unica candidatura che mi sento in coscienza di presentare all’attenzione del Santo Padre è quella dell’attuale Patriarca di Venezia, Card. Angelo SCOLA.

 Tengo a precisare che con questa indicazione non intendo privilegiare il legame di amicizia e la vicinanza del Patriarca al movimento di Comunione e Liberazione, ma sottolineare il profilo di una personalità di grande prestigio e esperienza che, in situazioni di governo assai delicate, ha mostrato fermezza e chiarezza di fede, energia nell’azione pastorale, grande apertura alla società civile e soprattutto uno sguardo veramente paterno e valorizzatore di tutte le componenti e di tutte le esperienze ecclesiali. Inoltre l’età relativamente avanzata (70 anni nel 2011) del Patriarca rappresenta nella situazione attuale non un “handicap”, ma un vantaggio: potrà agire per alcuni anni con grande libertà, aprendo così nuove strade che altri proseguiranno.

 Colgo l’occasione per salutarLa con profonda stima.

 don Juliàn Carrón Presidente

Sua Ecc.za Rev.ma

Mons. Giuseppe Bertello

Nunzio Apostolico in Italia

Via Po 27-29

00198 Roma

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

8 Responses to Scola sponsorizzato da C.L. con una lettera di Carròn che attacca frontalmente gli episcopati di Martini e di Tettamanzi

  1. Felice Asnaghi scrive:

    La curia milanese si è trasformata in una corrente di partito: troppo evidente.
    Speriamo che con sua Eminenza Card. Scola tutti i Milanesi possano ritornare a credere che il Duomo è la casa di tutti i fedeli, senza distinzioni politiche.
    Felice Asnaghi

  2. don giuseppe scrive:

    Non se ne può più di cielle! Basta!

  3. Fausto scrive:

    Non vado più da qualche tempo alla messa, e la causa risiede nel mio allontanamento dalla mentalità e dalla gestione della religione propria della curia romana, che ogni parroco anche in buona fede rappresenta la domenica; anzi mi sento io allontanato dai ‘novi farisei’ di dantesca memoria. Ma dove credono di andare, quale consenso credono di recuperare? La gerarchia/gerontocrazia vaticana, da poco tempo interessata solo alla situazione italiana con buona pace dell’ecumenismo, ai miei occhi fa velo al messaggio autentico di Cristo (non sono teologo – per mia fortuna- ma non lo erano nemmeno i primi apostoli)t. Politica, economia, segreti inconfessati la tengono lontana le proverbiali mille miglia dalle pagine del vangelo. Che tristezza vedere che si riducono al plauso del politico di turno… Auspico un pontefice e cardinali trentenni anagraficamente, come lo erano i primi apostoli, o intellettualmente, come papa Roncalli. Faccio mie le parole di don Michele Do, parroco di Saint-Jacques d’Ayas, il quale sine ira et studio affermava della santa romana chiesa: con essa né polemica né dialogo. Certa gente dovrebbe rileggersi le illuminanti pagine di Manzoni – ammiratore di Rosmini, senatore del neonato regno d’Italia con scandalo dei porporati – sul colloquio fra il conte zio e il padre provinciale.
    Se questa chiesa del potere e della verità scomparisse, non piangerei lacrime né calde né fresche. Il guaio è che i prelati sono sopravvissuti al rinascimento, all’illuminismo, al marxismo, al darwinismo, al nichilismo, alla postmodernità relativistica: sopravviveranno anche ai loro scandali attuali, e ci verranno a raccontare che la Verità divina li ha preservati anche stavolta.

  4. arnaldo trincherò scrive:

    Anche a un non-più-credente appare chiaro che si vuol distruggere quanto rimane della intelligenza di Martini e della umanità di Tettamanzi.
    Scola fu “bocciato” a Milano e sicuramente verrà ulteriormente “bocciato” DA Milano.
    Perché non fate prendere i voti (non quelli che già prende) a quell’esempio di Formigoni?
    In fondo gli basterebbe cambiare qualche giacca e a qualche camicia, vacanze da ricco e “forse” qualche altra rinuncia.
    Perché Carron sponsorizza Scola?
    Non conosce Milano e soprattutto sembra che per Lui il mondo non sia cambiato.
    Ma è cambiato profondamente!
    Saluti.

  5. Alessandro Zemella scrive:

    La nomina di Angelo Scola all’Arcivescovado è un evidente sfregio alla Chiesa ambrosiana.
    Si tratta della rivincita di CL su una Chiesa che 40 anni fa aveva persino negato il sacerdozio al neo nominato cardinale, riconoscendolo da quel settario seguace di CL che era.
    Si tratta di una nomina politica, che più politica non si può. Si tratta (anche) di un contentino dato alla Lega, che mal digeriva la pastorale di Tettamanzi verso gli immigrati. Si tratta (anche) di un’operazione affaristica per mettere le mani sui soldi raccolti dalla Curia a favore delle famiglie in difficoltà.
    La Chiesa di Milano non aveva mai conosciuto un livello più basso di questo, dai tempi delle preghiere e genuflessioni di Schuster a favore dei repubblichini fascisti. Scola non sarà mai il mio Vescovo. E CL non sarà mai non dico modello, ma persino tipologia, di cristianesimo. Per quanto mi riguarda, CL è l’anticristo, e Scola è il suo profeta.

  6. Giorgio scrive:

    Non capisco razionalmente perchè don Carron non possa fare valutazioni sulla Chiesa di Milano. Non sono ciellino, ma questa brutta storia (lettera di 550 persone, richiamo del Vicario generale , chiarimenti, ecc) mi avvicina molto a don Carron al quale esprimo la mia solidarietà affettuosa per questa aggressione. Egli sia -ben chiaro a tutti -aveva tutto il diritto di scrivere quelle cose (erano riservate e destinate al Papa), erano dei pareri richiesti, erano valutazioni di un personaggio che guida un importante movimento ecclesiale. Perchè tutta questa mancanza di carità nella sinistra progressista milanese? siete faziosi e intolleranti. E male ha fatto Sua Eminenza Scola a darvi retta! Non creda che mettendosi nelle mani di De Scalzi (quello dei 110 miliardi di lire) o di don Zappa avrà vita facile. Vabbe’ che Tettamanzi nel 2002 si mise anch’egli nelle loro mani. Ma nel 2005 non divento’ Papa…

  7. Egidio scrive:

    A me piace la lettera di Carron, un uomo che parla chiaro.
    Noi Siamo Chiesa soffre di fronte a certe prese di posizioni, allo stesso modo di come Giuda soffriva quando Gesù era chiaro.
    Come Giuda, Noi Siamo Chiesa si schiera dalla parte dei Farisei e degli scribi, vale a dire dei poteri forti che dominano la società civile e che perseguitano la Chiesa autentica, che non si fa serva di nessuno, perchè è sposa di Cristo.
    Egidio

  8. Ambrogio scrive:

    Fate capire un pò anche a me che non sono un pretino come voi. Non freqiento la chiesa e per me Scola, Tettamanzi, Martini, Ratzinger sono la stessa cosa.
    Vedo che, da buoni cristiani, vi fronteggiate con i coltelli in pugno. Che bella chiesa!
    Ho letto la lettera di Carron. Voi, che siete chiesa, mi potete spiegare, punto per punto, che cosa non vi piace di quello che ha scritto?
    Voi siete chiesa e i ciellini no?
    Secondo voi che cosa sono i ciellini? Sono la parte laica della chiesa mentre i clericali fanno parte della curia?
    Mi potete spiegare che differenza c’è tra Scola e Martini? A me sembrano uguali.
    Pretozzi insignificanti entrambi.
    Però devo ammettere che Carron parla chiaro. Mi pare un prete un pò più laico di quei preti di curia o di parrocchia, che, quando parlano, ti fanno calare il latte, tanto sono noiosi.
    Ambrogio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.