L’incontro tra Benedetto XVI e Bush è uno scandalo per molti cristiani

COMUNICATO
STAMPA


L’incontro
“amichevole” tra Benedetto XVI e Bush è uno scandalo per i cristiani

Il portavoce di “Noi Siamo Chiesa” Vittorio
Bellavite ha rilasciato la seguente dichiarazione :

“Le caratteristiche
dell’incontro di oggi di Benedetto XVI con il Presidente Bush,
dopo quello altrettanto fuori da ogni stile diplomatico sui prati della
Casa Bianca di aprile, indicano una svolta radicale nei confronti delle
posizioni di Giovanni Paolo II. Papa Wojtyla
aveva sempre tenuto una linea di riserva nei confronti della guida della
nazione americana e, in particolare, aveva denunciato la guerra in Iraq, che
adesso viene invece riconosciuta e, nei fatti, accettata. E’ un accordo con un leader che è contestato
in gran parte del mondo, ormai dal basso consenso in patria e al termine del
suo mandato. Non si capisce questa posizione di Benedetto XVI se non con la
volontà di premiare le posizioni antiabortiste del Presidente e
contemporaneamente di lanciare un messaggio di simpatia preferenziale verso
l’Occidente e, al suo interno, verso la sua nazione guida.

Questo messaggio viene
diffuso in tutto il mondo dal programmato
e straordinario impatto mediatico dell’incontro di questa mattina. I
danni di questa decisione sono enormi se si tiene presente che centinaia di
milioni di persone nel mondo, e non solo nell’islam, ritengono il Presidente
Bush un criminale di guerra e il leader di una grande potenza militare che
vuole dominare un mondo pieno di disuguaglianze e di ingiustizie delle quali essa è la principale
responsabile.

Molti cattolici e cristiani
sono disorientati e molti sono scandalizzati ritenendo che questa posizione di
oggi di Benedetto XVI è in diretta
contraddizione con la missione universale della Chiesa e con il Vangelo della
liberazione e della pace fondata sulla giustizia.”

Roma, 13 giugno 2008

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC, Pace e Giustizia. Contrassegna il permalink.

6 risposte a L’incontro tra Benedetto XVI e Bush è uno scandalo per molti cristiani

  1. Anonimo scrive:

    anche se non sono cattolica praticante, sento questo sgomento e la mia coscienza si ribella profondamente. Come faccio a spiegare a miei figli che frequentano oratorio e hanno scelto di avere una vita cristiana, come il rappresentente supremo della religione cattolica sulla terra sia così” cordiale” e ” supino>” nei confronti di un simile criminale di guerra?

    ne sono veramente molto turbata.

  2. Anonimo scrive:

    Parafrasando un antico adagio: lupa lupam fricat!

  3. Anonimo scrive:

    Anche tutte le foto di giardini rinverditi e cori serafici, sorrisi compiaciuti e battute di etichetta mi hanno davvero dato la triste impressione che si trattasse di un semplice incontro tra capi di stato. Mi domando di quale amarezza sia accompagnata la solitudine dei fratelli cristiani fuggiti dall’Iraq di fronte a queste immagini.
    Alberto Bordignon

  4. Anonimo scrive:

    Anche se, per così dire, non faccio parte della parrocchia, sono anche io molto turbato da questo Papa Kaiser. Date una letta alla vignetta di Gipi su Internazionale di questa settimana che esprime bene il mio sgomento.

    Claudio

  5. Anonimo scrive:

    Sono cattolico e credo fermamente nella mia scelta di adesione alla Chiesa.
    Ho avuto modo di vedere in diretta televisiva l’incontro in questione.
    Sono rimasto a dir poco basito per ciò che ho visto e sentito, per l’accoglienza riservata all’ospite.
    Poco ci mancava che, al termine di tutto (il coro delle voci bianche è stato il degno finale di un happening rivoltante) all’ ospite si concedesse di benedire la folla contestualmente al Papa!
    Credo che la Chiesa non debba sbattere la porta in faccia a nessuno, ma troppe porte sono sempre chiuse davanti alle storie di quotidiana umanità sofferente e fallibile (chi è esente da questi due modi di essere?), nonostante si continui a bussare; e troppi portoni risultano, invece, spalancati davanti a chi non ha nulla da rimproverarsi ed, anzi, usa il nome di Dio per giustificare scelte che sono “totalmente altre” da ciò che è divino.
    Grazie per l’ospitalità!

  6. Anonimo scrive:

    Bush ha fatto molti errori nella sua presidenza ma ha evitato la morte di 46 milioni di essere umani.
    Per me è già abbastanza.
    Alla fine scommetto che George non è poi così lontano dal Regno dei cieli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.