Dio e i bambini profughi annegati la notte di Natale. Leggi la riflessione di Spadaro su questa grande questione.

Newsletter n. 244 del 5 gennaio 2022

E TU DOV’ERI?

Carissimi,

c’è stata una risposta di padre Antonio Spadaro alla questione postagli dal “Fatto quotidiano” sul mancato intervento di Dio per salvare i bambini profughi annegati nel Mediterraneo la notte di Natale, una provocazione di cui si era occupata la nostra ultima newsletter. La domanda era: “Dov’era Dio”?  Padre Spadaro anzitutto coglie la perentorietà della domanda, che “di fronte  a un evento tremendo, che non ha plausibilità né spiegazione possibile, chiama in causa Dio come in un tribunale sul banco degli imputati: un atto tragico che fa esplodere il grido della coscienza”; e c’è la replica, ben più plausibile: “Dov’era l’uomo? Cioè: dato che l’uomo è libero, e non è un pupazzo manovrato dalle mani di Dio, quel che è accaduto ha delle precise responsabilità assolutamente umane e nient’affatto divine”. Infatti “se Dio non permettesse la nostra libertà noi saremmo tutte brave marionette e tutto funzionerebbe nel mondo come un orologio a cucù”. Ma poi c’è la vera risposta: «“Dio dov’era?”  Sulla croce. Dio era sulla croce, vivendo sulla sua pelle quell’ingiustizia e quel dolore atroce. Dio non è un motore immobile, ma un “agnello condotto al macello”, come ci dice la Bibbia».

È la stessa tragedia dell’assenza di Dio nel dolore del mondo che Elie Wiesel denuncia  nel suo libro “La Notte”; però c’è la voce che lo stesso Wiesel ricorda di aver sentito nel campo di Auschwitz quando era in una fila di ebrei portati dagli aguzzini a vedere lo spettacolo di un  ragazzo olandese  tredicenne, “con un volto da  angelo infelice, amato da tutti”, che pendeva da una forca: dinanzi all’assurdità della morte del piccolo innocente, che agonizzò per più di mezz’ora, risuonò, racconta Wiesel, l’interrogativo  sconcertante:  «“Dov’è dunque Dio?” E io sentivo in me una voce che gli rispondeva: Dov’è? Eccolo: è appeso lì, a quella forca».

E poiché abbiamo l’altra volta citato il commento di papa Gregorio al libro di Giobbe, il primo dei sofferenti, a chi lamenta la “divina indifferenza” di fronte al dolore umano si potrebbe ricordare la risposta che Dio stesso dà a Giobbe in quel grande dialogo biblico, quando gli dice: E tu dov’eri, quando io ponevo le fondamenta della terra, dov’eri  quando ho posto un chiavistello al mare, e due porte dicendogli: “Fin qui giungerai e non oltre e qui s’infrangerà l’orgoglio delle tue onde?”

Per non far affogare i bambini in quel mare non c’è bisogno di un Dio teista, c’è bisogno di uomini umani, c’è bisogno di politiche non aguzzine.

Con i più cordiali saluti

www.chiesadituttichiesadeipoveri.it

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.