Convocato per il 15.18 novembre ad Aparecida in Brasile il secondo forum mondiale del Popolo di Dio

Dal 16 al 18 marzo presso la Casa Lasalle dei Fratelli delle Scuole cristiane a Roma  si tenuti tre incontri internazionale delle aree “conciliari” che da tempo si coordinano per elaborare e diffondere punti di vista dal basso sulla Chiesa e la società. I partecipanti sono in parte intrecciati tra di loro , ognuno con differenti competenze . Il primo è stato quello dell’European Network Church on The Move (EN), una rete europea esistente da 25 anni impegnata sui problemi sociali e dei diritti umani. Essa è presente al Consiglio d’Europa dove lavora con le ONG che in quella sede elaborano i contenuti validi di quella importante  e poco conosciuta istituzione. I membri attivi di questo network sono in parte gli stessi che fanno parte dell’International Movement We Are Church (movimento di cui Noi Siamo Chiesa rappresenta la sezione italiana).

Tra le due organizzazioni, che hanno una lunga consuetudine di iniziative comuni, si è trovato l’accordo su due azioni: la prima di cercare interlocutori  nei paesi dell’Est che per ora sono assenti, la seconda di fare un esame diffuso e analitico su quanto è pubblico e comprensibile dei bilanci delle diocesi in Europa, alla luce anche di una sensibilità particolare per la Chiesa povera e dei poveri. Il Council di We Are Church ( il coordinamento internazionale)  si riunisce ogni due anni. Questo movimento ha attualmente 21 sezioni nazionali, quelle non europee sono Brasile, Cile, USA, Sud Africa,Pakistan, Australia. I membri italiani del Council sono Vittorio Bellavite, Mauro Castagnaro e Basilio Buffoni. Quest’anno c’è stato un avvicendamento fisiologico  alla presidenza. Alla tedesca Sigrid Grameier è succeduto l’irlandese  Colm Holmes votato all’unanimità. Il Council ha riflettuto sui 5 anni del papato di Francesco. L’opinione generale è favorevole al nuovo corso e molto ostile ai tanti che lo contrastano. Ci sono però  alcune riserve su questioni di gestione: sulla riforma della curia che va a rilento , sulle difficoltà nel contrastare la pedofilia del clero e soprattutto sul ben scarso impegno per una diversa presenza della donna nella Chiesa. Anche l’assenza di rapporti  con l’area “conciliare” (che sono stati sollecitati) è stata  considerata un fatto che deve essere superato. Questa posizione di We Are Church è stata pubblicata su Adista (n.10/18). Noi Siamo Chiesa sui cinque anni  di papa Francesco ha  scritto un suo testo più approfondito e analitico che si può leggere sul sito www.noisiamochiesa.org . Il Council ha anche scritto un importante documento sui 90 anni di Hans Kung, uno dei padri ispiratori del movimento, ha deciso un pronunciamento per i 50 anni della Humanae Vitae del prossimo luglio e prenderà posizione negativa sulla canonizzazione di papa Montini (queste continue santificazioni dei papi significano la volontà di santificare il papato stesso, cosa teologicamente errata).

Il terzo incontro è stato quello del Global Council Network (GCN), una rete promossa da EN e We Are Church  che organizzò il 21-22 novembre 2015 un incontro mondiale a Roma a 50 anni dalla conclusione del Concilio. Vi parteciparono 100 delegati dai diversi continenti, esso fu sponsorizzato dai più importanti teologi conciliari e fu organizzato interamente dal basso con l’impulso dei due movimenti promotori  .  Esso in Italia non fu molto conosciuto (ne parlò Adista naturalmente). Si concluse con la “Dichiarazione di Roma”, un testo veramente importante frutto dei gruppi di lavoro svoltosi durante l’incontro  e dei punti di vista dei tanti movimenti che vi erano rappresentati. Questo documento si può  leggere su www.globalcouncilnetwork.org/145/declaration-2015a. Che l’incontro non sia stato un fatto solo commemorativo lo prova  che, da subito, si ipotizzò di dargli continuità progettando un secondo forum mondiale in Brasile a 50 anni dall’assemblea dei vescovi  di Medellin del novembre 1968 che cambiò la Chiesa in America latina ed un terzo forum in Africa nel 2021. A Roma nei giorni scorsi l’incontro in Brasile è stato formalmente convocato grazie alla collaborazione di un gruppo di brasiliani fortemente motivata e già presente a Roma nel 2015. Questo secondo forum mondiale del Popolo di Dio si svolgerà ad Aparecida dal 15 al 19 novembre di quest’anno. Questa città a 150 chilometri da S.Paolo è la capitale del cattolicesimo brasiliano, vi si trova un santuario famoso in tutta l’America latina quanto  quello di Nostra Signora di Guadalupe in Messico.Il titolo dell’incontro è “Empowering the people in the Church and in society. The Gospel challenged  by globalisation: justice, peace, democracy, environment, spirituality”.  L’incontro è previsto per delegati dei movimenti impegnati per la riforma della Chiesa nei vari continenti nella prospettiva della teologia della Liberazione; in tutto duecento, quindici gli europei. Oratori, tra gli altri, Leonardo Boff, Ivone Gebara, Joao Pedro Stedil, Socorro Martinez. Si conta molto sui gruppi di lavoro , otto il secondo giorno su tematiche più strettamente di Chiesa (“la Chiesa che vogliamo”) , otto il terzo su tematiche sociopolitiche (“Il mondo che vogliamo”).Oltre al sito internazionale (www.globalcouncilnetwork.org) è stato aperto anche un sito brasiliano (www.globalforumaparecida.net”).  L’incontro si svolgerà in una situazione di grande difficoltà per il Brasile. In ottobre ci saranno le elezioni in cui la sinistra rischia di non avere un candidato per il tentativo di estromettere Lula, la crisi economica e politica  incombe, le violenze nei confronti dei soggetti più deboli sono di livello mai raggiunto in passato. Anche la Chiesa di vertice non è quella di una volta. Le nomine dei vescovi durante i trentacinque anni dei due papati precedenti sono state a senso unico. Il Forum avrà anche il compito di conoscere la situazione brasiliana con cui  solidarizzare; inoltre di cercare le vie comuni sullo scenario mondiale per i movimenti diffusi nel mondo che da sempre si ispirano al  Concilio.

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *