Leggi il programma della rete Disarmo, che chiede un confronto col nuovo governo

Roma – 5 giugno 2018

Varato il nuovo Governo: Rete Disarmo chiede un confronto

L’organismo che coordina numerose realtà della società civile italiana sui

temi del disarmo, del controllo dell’export armato, delle spese militari e della

difesa non armata e nonviolenta chiede di incontrare Governo e Parlamento,

come sempre fatto, per rilanciare le proprie proposte.

Nei giorni scorsi si è concretizzata la formazione del nuovo Governo, dopo diverse

settimane di stallo politico. Come già fatto nelle precedenti Legislature la Rete

italiana per il Disarmo, oltre ad augurare un buon lavoro al nuovo Esecutivo, si

mette a disposizione per un confronto costruttivo sui temi e sulle proposte che

ne contraddistinguono l’azione e le campagne, chiedendo quindi di poter

concretizzare un incontro appena possibile.

Lo stesso invito viene avanzato alle forze politiche presenti in Parlamento, che

finalmente potranno iniziare a lavorare nel merito delle questioni grazie alla

prossima costituzione e formazione delle Commissioni permanenti di Camera e

Senato.

La nostra Rete in particolare cercherà di organizzare a breve un primo confronto

con le Commissioni Esteri e Difesa, a partire dai punti tematici fondamentali

della nostra azione già individuati e proposti ai candidati nel corso della campagna

elettorale. Tali punti, che saranno oggetto della nostra attività nei mesi a venire,

riguardano in particolare: il controllo dell’export militare italiano, la riduzione della

spesa militare, la ridefinizione di obiettivi e strumenti delle missioni militari

all’estero, la partecipazione dell’Italia a processi concreti di disarmo nucleare, il

definanziamento della produzione di mine anti-persona e cluster bombs, la

messa al bando preventiva delle armi completamente autonome, la difesa

civile non armata e nonviolenta, le azioni di controllo sull’utilizzo dei droni

armati.

Punti dettagliati della piattaforma tematica che Rete Disarmo intende porre

all’attenzione di Governo e Parlamento

Controllo dell’export militare italiano, giunto ai massimi degli ultimi decenni e sempre

più diretto in aree problematiche o di conflitto

Promuovere il blocco delle vendite di armi italiane alle parti coinvolte nel sanguinoso

conflitto in Yemen, come richiesto da diverse risoluzioni del Parlamento Europeo e come

deciso recentemente anche nell’accodo di “Grosse Koalition” in Germania, e verso Israele

vista l’escalation pericolosa e problematica del conflitto a Gaza. Queste decisioni

sanerebbero la palese violazione della legge 185/90 (che impedisce l’export militare verso

Paesi in conflitto armato) e in particolare fermerebbe, nel caso dello Yemen, la complicità

italiana in una delle più devastanti guerre in corso, che ha prodotto una crisi umanitaria tra le

più gravi degli ultimi decenni. In generale sul tema dell’export di armamenti sarebbero

necessari miglioramenti in termini di trasparenza e responsabilità nelle autorizzazioni

governative.

Riduzione della spesa militare, sempre in aumento negli ultimi anni e sempre più

destinata all’acquisto di nuovi armamenti (con fondi extra Bilancio della Difesa)

Promuovere atti normativi e di indirizzo che puntino a diminuire del 10% la spesa

militare italiana destinando i fondi così recuperati al welfare, alla scuola, alla sanità,

alla cooperazione internazionale (come richiesto in particolare dalla Global Campaign on

Military Spending). Una tale riconversione della spesa pubblica garantirebbe il sostegno a

politiche pubbliche più utili e convenienti per i cittadini, oltre che un sostegno fattivo al

raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile promossi dalle Nazioni Unite.

Ridefinizione di obiettivi e strumenti delle missioni su suolo estero del nostro Paese

Promuovere atti normativi e di indirizzo che ridefiniscano scopi, strumenti, approcci

delle missioni militari (e non solo) all’estero cui l’Italia partecipa, aprendo un dibattito

pubblico e trasparente sulla questione. Le nostre truppe sono in Iraq da oltre 15 anni (costo

totale che supera i 3 miliardi di euro) e in Afghanistan da oltre 16 anni (costo 8 miliardi ) e il

costo annuale delle missioni è di 1,3 miliardi. Questi fondi si sarebbero potuti utilizzare più

efficacemente per risolvere i problemi di tali aree geopolitiche investendo in cooperazione e

sviluppo economico, ma soprattutto potenziando le missioni civili per il rafforzamento di

istituzioni democratiche e inviando Corpi Civili di Pace a sostegno della società civile locale,

per percorsi di pace e riconciliazione.

Partecipazione dell’Italia a processi concreti di disarmo nucleare globale

Promuovere atti normativi e di indirizzo che spingano il Governo a firmare e il

Parlamento a ratificare il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari, approvato il 7

luglio 2017 dalle Nazioni Unite e già ratificato da alcuni Paesi tra cui lo Stato della Città del

Vaticano. Con l’adesione al Trattato, che entrerà in vigore dopo la ratifica da parte di 50 stati,

si contribuirà a promuovere il dialogo e la diplomazia, rafforzando un sistema di relazioni

internazionali fondato sulla multilateralità, sul disarmo, sulla sicurezza umana. Per far questo,

l’Italia dovrà prima negoziare con gli Stati parte del Trattato stesso la rimozione delle armi

nucleari oggi dislocate in Italia, stringendo un accordo con scadenze precise e vincolanti.

Azioni di definanziamento della produzione di ordigni problematici ed inumani come le

mine anti-persona e le cluster bombs

Sostenere l’immediata approvazione (con le opportune correzioni dopo il re-invio alle

Camere del precedente testo con vizi di costituzionalità da parte del Presidente della

Repubblica) del ddl “Divieto di finanziamento delle imprese che svolgono attività di

produzione, commercio, trasporto e deposito di mine-antipersona ovvero di munizioni

o sub-munizioni a grappolo”. Si tratta della legge più avanzata in materia, nata dalla

volontà di migliorare quella che a livello internazionale veniva già riconosciuta come una

buona pratica, ossia la legge italiana di ratifica della Convenzione sulle Munizioni Cluster

(legge 95/2011 art 7) in cui l’assistenza finanziaria ai produttori di bombe cluster viene

indicata come reato penale.

Messa al bando preventiva delle armi completamente autonome

Promuovere atti normativi e di indirizzo che spingano il Governo a farsi promotore a

livello internazionale di norme che mettano al bando preventivamente sistemi d’arma

completamente autonomi che non richiedono l’intervento umano (i cosiddetti “Killer

robots”).

Difesa civile non armata e nonviolenta

Sostenere l’istituzione di un Dipartimento della Difesa Civile Non Armata e Nonviolenta

(nella precedente legislatura presentata con iniziativa popolare e poi di iniziativa

parlamentare fino ad essere incardinata nelle competenti Commissioni prima e quarta

della Camera dei Deputati). Si tratterebbe di una inedita innovazione istituzionale che

finalmente darebbe valore all’opzione della difesa civile della Patria (a cui la Corte

Costituzionale ha attribuito pari dignità rispetto alla difesa militare e a cui la legge istitutiva

del Servizio Civile Universale chiama il Governo a dare attuazione) realizzando l’obiettivo di

100.000 giovani all’anno in Servizio Civile Universale volontario, costituendo un Istituto di

Ricerca su Pace e Disarmo e consolidando la sperimentazione in corso di Corpi Civili di

Pace.

Azioni di controllo sull’utilizzo dei droni armati

Promuovere atti normativi e di indirizzo che vadano a definire regole di ingaggio e

catena di comando relativamente all’utilizzo di droni armati, promuovendo nel

contempo un divieto assoluto di cosiddette “uccisioni extra-giudiziali” in aree di

conflitto e non. L’Italia sarà il terzo Paese occidentale della NATO (dopo USA e Regno Unito) a dotarsi di droni armati (la conclusione delle procedure di armamento è prevista in queste

settimane) ma non dispone ancora di norme chiare e trasparenti sull’utilizzo di questi mezzi, sempre più importanti nei conflitti contemporanei e di cui il nostro Paese costituisce un “hub” internazionale nevralgico con la base di Sigonella.

Per ulteriori contatti e richieste: segreteria@disarmo.org – tel +39 328 3399267

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *