Nei giorni della Settimana Santa il Vaticano nomina una brutta Commissione sul diaconato femminile

        NOI SIAMO CHIESA

Via N. Benino 3 00122 Roma

Via Soperga3 36  20127  Milano                                                              Comunicato stampa

Email < vi.bel@iol.it>

www.noisiamochiesa.org

tel. 022664753, cell.3331309765

La nuova Commissione sul diaconato femminile serve solo per affossarlo?

L’8 aprile papa Francesco ha deciso di istituire una nuova Commissione di studio sul diaconato femminile. Egli ha quindi mantenuto la promessa fatta nel discorso conclusivo del Sinodo panamazzonico, quando  aveva detto di “fare propria la richiesta di richiamare la Commissione, o magari aprirla con nuovi membri per continuare a studiare in che forme esisteva nella Chiesa primitiva il diaconato permanente”, e, rivolgendosi alle uditrici, aveva ripetuto: “Raccolgo il guanto di sfida lanciatomi… ‘che siamo ascoltate’… raccolgo il guanto”.

Tuttavia, una volta scorso l’elenco dei componenti della nuova Commissione, senza ovviamente mettere in dubbio di ognuno di essi la buona fede, lo spirito di servizio alla Chiesa e la volontà di adempiere con impegno, rigore e profondità al compito loro affidato, non possiamo non esprimere la nostra perplessità, per almeno tre ragioni

Prima di tutto salta all’occhio come, rispetto alla prima Commissione, si sia ridotta  la parità  di genere. A comporla sono ora  5 donne e 7 uomini (di cui ben cinque appartengono all’ordine clericale). La presenza femminile, oltre ad avere un significato simbolico non trascurabile, dovrebbe costituire una garanzia che la voce delle donne sia effettivamente ascoltata, specie in un argomento come questo, e il loro “punto di vista” abbia un’influenza determinante.

In secondo luogo impressiona il fatto che, sebbene l’esigenza della sua istituzione sia nata nel contesto del Sinodo panamazzonico nonché come risposta a quanto lì discusso e a una duplice domanda, quella dei padri sinodali, espressa nel n. 103 del Documento finale, “di condividere le nostre esperienze e riflessioni con la Commissione” e quella delle madri sinodali di “essere ascoltate” raccolta esplicitamente anche dal Papa, a comporre la nuova Commissione non vi sia nessuna/o proveniente dall’Amazzonia, anzi nessuna/o dell’America latina, anzi nessuna/o del Sud del mondo!

In terzo luogo, le persone designate a farne parte non paiono avere alle spalle studi specifici sul tema e quando su di esso hanno manifestato pubblicamente la propria opinione, lo hanno fatto tutte in senso contrario a qualunque ministero ordinato per le donne. Una documentazione analitica sulla composizione della commissione si trova su  https://www.ncronline.org/news/vatican/several-members-new-vatican-commission-appear-opposed-women-deacons.

Ci pare dunque forte il rischio di un’iniziativa “con esito preconfezionato”, che confermerebbe, ancora una volta, la condizione di minorità riservata alle donne nella Chiesa, deludendo quindi  le attese di una grande parte della comunità ecclesiale.

Roma, 10 aprile 2020                                                                        NOI SIAMO CHIESA

.

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

One Response to Nei giorni della Settimana Santa il Vaticano nomina una brutta Commissione sul diaconato femminile

  1. Michele scrive:

    Lo volete capire che nonostante le apparenze,Bergoglio sulle donne la pensa esattamente come i suoi due predecessori…. ….Dopo sette anni di pontificato la Chiesa è ancora ferma al 2’013!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.