Il Card. Martini apre sugli omosessuali e sulle coppie di fatto

L’ apertura di Martini sulle coppie gay. «Qualcosa si muove»

 

MILANO – Le unioni civili: lo Stato potrebbe favorirle, anche quelle fra omosessuali. Il profilattico: in certe situazioni può costituire un male minore. E, in questo particolare momento, si può capire anche il Gay Pride. Pubblicate, ieri, le anticipazioni del libro-dialogo tra il cardinale Carlo Maria Martini e il chirurgo senatore Ignazio Marino, le agenzie battono le reazioni entusiaste delle associazioni e della comunità Lgbt. «Spiraglio», «segno importante», «aperture al dialogo», e anche «richiamo alla politica». Le parole scelte dall’ ex arcivescovo di Milano nel libro ( Credere e conoscere , Einaudi, dal 27 marzo) sono subito rilanciate da Arcigay, Comitato del Pride nazionale, Equality Italia, Gay Center. «Non è male, in luogo di rapporti omosessuali occasionali, che due persone abbiano una certa stabilità e quindi lo Stato potrebbe anche favorirli», così risponde il cardinale a Ignazio Marino. E queste sono parole che aprono al dialogo, secondo Fabrizio Marrazzo (Gay Center). E sono «un richiamo importante per i politici che si trincerano dietro le posizioni della Chiesa che non sono tutte uguali». Aurelio Mancuso, presidente di Equality, ribadisce che «le ripetute chiusure da parte della gerarchia vaticana rappresentano solo alcune delle posizioni in campo. Soprattutto tra il popolo di Dio, prevalgono accoglienza e ascolto». Certo, la Chiesa promuove la famiglia. «Ma non è giusto discriminare altri tipi di unione», è un altro dei passaggi apprezzati dalle comunità lesbica, gay, bisessuale e trans. «Anche nella Chiesa cattolica qualcosa si muove», sottolinea Franco Grillini, Idv. E per Imma Battaglia (DìGayProject) questo è «un segno importante per riprendere il dialogo con la Chiesa». «Il Paese reale ha detto un sì convinto ai diritti Lgbt, al matrimonio tra persone dello stesso sesso e alle unioni civili. E un no netto a omofobia e transfobia – è il commento di Paolo Patanè, presidente di Arcigay -. Resta avvilente la farsa dei partiti, a destra e a sinistra». I partiti. Il senatore del Pdl Raffaele Lauro – sua la proposta di legge sul mutuo sostegno – parla di «giudizi coraggiosi e profondamente cristiani che fanno giustizia delle posizione omofobe e retrograde di molti bacchettoni della politica». E da Fli, Flavia Perina e Riccardo Lo Monaco rilanciano: «Subito un tavolo di confronto per una proposta di legge sulle unioni civili».

Federica Cavadini  (“Corriere della sera ” del 24 marzo 2012)

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il Card. Martini apre sugli omosessuali e sulle coppie di fatto

  1. Alberto Diana scrive:

    non credo di poter giudicare nessuno, nemmeno quelli con diverso orientamento sessuale. credo invece che vadano accolti e rispettati: solo il bene che facciamo gratuitamente ci valorizza come “pagani sulla strada della conversione” (Danielou) e la sessualità quando è dono di sé e non possesso o istinto egoistico, diventa forma di amore e quindi di spiritualità. Alberto Diana

  2. Pingback: Il Card. Martini apre sugli omosessuali e sulle coppie di fatto « Mirabilissimo100′s Weblog

  3. Salvatore (evangelista) scrive:

    Avevo un’opinione diversa del card. Martini, cui ho scritto varie volte in questi anni, ma la sua “svolta” sui gay e unioni civili conferma che l’apostasìa (rigetto fede cristiana) non guarda in faccia nessuno.

    L’omosessualità, le unioni di fatto (convivenze fra omosex e lesbiche) e ogni peccato attinente ad una sessualità distorta (1^ Corinzi 6,9) riceveranno – in futuro – la loro debita ricompensa (Romani 1,24-32), sicchè non mi stupisco per il parere di Martini: la società attuale sta ripetendo le stesse aberrazioni dei sodomiti ma ne ignora le conseguenze amare!

    Dio AMA il peccatore ma non il PECCATO (.), perciò esorto il lettore a stare dalla parte di Cristo piuttosto che dell’opinione pubblica.

    E mi rincresce che anche l’on.le Buttiglione sia stato sedotto (2^ Corinzi 4,4) da colui che sta infinocchiando il mondo…

    Ancora un breve tempo, e Gesù farà cessare ogni abominio, anche se ciò non ha nulla a che fare con la fasulla profezia Maya del 21.12.2012!

    Leggete Luca 21,25 (tsunami) e Matteo 24,7 (terremoti).

  4. Pingback: GAY: LA CHIESA CATTOLICA INIZIA AD APRIRE ALLE COPPIE OMOSESSUALI! « Mirabilissimo100′s Weblog

  5. Pasquale Muzzupappa scrive:

    Ma povero idiota, l’omosessualità penso sia un orientamento istintuale e non una scelta perversa, il Signore saprà giudicare, chissà come giudicherà Dio i vari Marcinkus, i preti pedofili, l’idolatria del denaro delle varie organizzazioni simil – cattoliche: C.L.(annessi scandali lombardi), Opus dei e via destruens. Naturalmente Gesù, alle direttive di un dio molto simile al geovismo, si appresterà a distruggere i reprobi per instaurare il regno, pardòn, la dittatura del bene sul male. Ha controllato se è uno dei 144.000??

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.