Noi Siamo Chiesa condivide la sentenza della Corte Costituzionale sull’art. 580 del codice penale

 

        NOI SIAMO CHIESA

Via N. Benino 3 00122 Roma

Via Soperga3 36  20127  Milano

Email < vi.bel@iol.it>                        Comunicato stampa

www.noisiamochiesa.org

tel. 022664753, cell.3331309765

 

 “Noi Siamo Chiesa” condivide la sentenza della Corte Costituzionale sull’Art. 580 del codice penale. Ora le gerarchie della Chiesa la accettino senza “se “ e senza “ma”,  abbandonino ogni spirito di crociata e siano disponibili a una nuova riflessione comunitaria all’interno della Chiesa ed ad un pacato dialogo con la cultura laica.

Il coordinatore nazionale di Noi Siamo Chiesa Vittorio Bellavite ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Mi pare che la decisione della Corte abbia radici nei valori della Costituzione (e in suoi articoli ben precisi) ed espliciti con chiarezza le condizioni in presenza delle quali il suicidio assistito possa essere praticato: patologia irreversibile protratta con un trattamento di sostegno, grandi sofferenze, libera decisione del paziente. Per evitare rischi di abuso nei confronti di persone specialmente vulnerabili la Corte richiama alle “condizioni e modalità procedimentali” previste dalla legge 219/17 sulle DAT (consenso informato, cure palliative, sedazione profonda). Siamo ben lontani dal tanto temuto “piano inclinato” verso una generalizzazione di interventi di questo tipo.

La Corte ha tenuto conto dei diversi diritti tutelati e si è trovata di fronte, dopo l’incapacità del Parlamento, alla difficoltà di legiferare sul momento in cui ognuno di noi si confronta, nel suo intimo, col senso stesso dell’esistenza. Ha assunto una decisione pragmatica che invita il legislatore a scelte nella direzione dei binari indicati.

Come “Noi Siamo Chiesa” abbiamo ragionato a partire dalla nostra fede nel Vangelo e dalla nostra presenza nella Chiesa. Abbiamo espresso e lungamente argomentato (leggi: http://www.noisiamochiesa.org/?p=7659) la nostra opinione che è ben diversa da quella sostenuta da tempo dalle gerarchie e da quei medici che ora parlano di obiezione di coscienza . Siamo convinti che questa linea non potrà non cambiare in  futuro. Ora essa ci sembra ferma a una “ideologia della vita sempre e comunque” a prescindere dalle situazioni concrete che non ci sembra  coerente con la concezione generale della vita e della morte che deve essere propria di ogni cristiano, che è convinto che la fine non è che un inizio .”

Roma, 25 settembre 2019

Questa voce è stata pubblicata in Documenti NSC. Contrassegna il permalink.

One Response to Noi Siamo Chiesa condivide la sentenza della Corte Costituzionale sull’art. 580 del codice penale

  1. Massimo Mazzi scrive:

    I giudici della CC hanno affrontato il problema con grande saggezza laica. I vertici della conferenza dei vescovi hanno risposto come al solito evocando l’obiezione di coscienza dei medici. Come era prevedibile si sono accodati alla protesta dei vescovi quei partiti che brandiscono crocefissi e madonne pronti all’uso, come la Lega e Fratelli d’Italia. La sortita della CEI sarà debitamente strumentalizzata a livello politico. Come cristiano e come cittadino sono rispettoso delle scelte fatte da chi soffre e che decide -nelle condizioni prospettate con puntualità dalla sentenza- di por fine ai suoi giorni. La medicina oggi è in grado di prolungare a tempi interminabili la vita in maniera artificiale, mentre la nostra struttura fisica e psichica ha termini di durata naturalmente ridotti. Il caso di dj Fabo è emblematico perchè per lui la vita era ormai priva di senso in maniera irreversibile. Le reazioni della Chiesa erano prevedibili ma rimangono per me incomprensibili. Mi stupisce che la Chiesa sia sempre attenta e presente su tematiche sessuali, sulla difesa della vita nascente, sul fine vita, ma poco si curi della qualità della formazione impartita ai fedeli. A parte il Papa, che purtroppo mi sembra più sopportato che amato dal clero, mai ho sentito un Vescovo dire che evadere le tasse è un peccato mortale perchè si finisce col togliere allo Stato risorse che potrebbero essere destinate ad aiutare i più poveri. Ma questa è un’altra storia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.